Prima di partire per Narni, l’altro ieri, dal quartier generale del Nazareno non facevano altro che ripetere “non c’è nulla di cui vergognarsi”. Sono al governo insieme, in Umbria sostengono lo stesso candidato, progettano perfino di allearsi alle prossime regionali: che sarà mai una foto? E invece, a ventiquatt’ore di distanza, lo scatto della prima […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese per il primo anno

Articolo Precedente

“Un colpo se perdono, ma quella fotografia è un segnale di unità”

prev
Articolo Successivo

Dario Franceschini, il dem che studia da premier. Dove va lui va il potere

next