Ci sono momenti in cui i tempi modesti in cui viviamo ci costringono ad ancorarci a qualcosa di solido. A guardare l’orizzonte – e forse una lucina là in fondo – con la consapevolezza che, prima di avventurarci sul nostro filo da acrobati, abbiamo bisogno di sentire ancora una volta la terra sotto i piedi. […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese per il primo anno

Articolo Precedente

Santi pure gli spettatori: Roma chiude col segno più

prev
Articolo Successivo

Il sobrio addio a San Draghi sulla stampa italiana

next