Tra gennaio e settembre 2019 ben 706 dipendenti coperti dall’anonimato – i whistleblowers – hanno denunciato delle irregolarità all’Autorità anti corruzione: 41 sono state trasmesse alle Procura della Repubblica e tre alla Corte dei Conti. Questa è la storia paradossale di uno di loro. È stato licenziato dal direttore generale della Siae. I paradossi sono […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese per il primo anno

Articolo Precedente

Mifsud, perché Conte si dice tranquillo

prev
Articolo Successivo

Soldi e droga, Anastasia rischia di essere indagata

next