Aperitivo dadaista in Borgo Stazione. Accade a Udine. A Milano lo chiameremmo “apericena in moschea”. Metti un sociologo delle migrazioni (Marco Orioles), un artista dadaista (Rocco Burtone) e il presidente del centro islamico udinese (Shahdat Hossain). Metti il quartiere più temuto della città friulana, il ghetto della stazione “invaso” e “occupato” dagli immigrati, dove dal […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese per il primo anno

Articolo Precedente

Uno “strappo alla giustizia”: Mosca insegna

prev
Articolo Successivo

Riecco “il Riformista”. Un foglio leopoldino firmato dalla Boschi

next