Aperitivo dadaista in moschea: l’arte per l’immigrazione

24 Ottobre 2019

Aperitivo dadaista in Borgo Stazione. Accade a Udine. A Milano lo chiameremmo “apericena in moschea”. Metti un sociologo delle migrazioni (Marco Orioles), un artista dadaista (Rocco Burtone) e il presidente del centro islamico udinese (Shahdat Hossain). Metti il quartiere più temuto della città friulana, il ghetto della stazione “invaso” e “occupato” dagli immigrati, dove dal […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 9,99€ per il primo mese
Dopo 15,99€ / mese

Ti potrebbero interessare

I commenti a questo articolo sono attualmente chiusi.

Gentile utente ti informiamo che gli articoli 4 e 6 delle “Condizioni di Utilizzo dei Servizi offerti tramite registrazione ai Lettori” relativi, in particolare, all’accesso ai contenuti e alle notizie pubblicate sul sito sono state modificati.

Ti invitiamo quindi a prendere visione della nuova versione delle “Condizioni di Utilizzo dei Servizi offerti tramite registrazione ai Lettori”, cliccando qui