“Esperienza immersiva” è un modo di dire di cui spesso si abusa. Nel caso di Watermemories, il nuovo progetto di Max Casacci, chitarrista e fondatore dei Subsonica, è invece giustificato anche in senso letterale. Il musicista torinese, non nuovo alle avventure da rabdomante di suoni “ambient” (da quelli di una fornace di Murano in Glasstress, […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

“Poor boy” Nick: quella “Luna rosa” se lo portò via

prev
Articolo Successivo

La7 e Cucchi, il pomeriggio tv “serio” che non ti aspetti

next