“La stragrande maggioranza dei romanzi storici è illeggibile”. Sentenzia così Alessandro Barbero, docente universitario, storico (per l’appunto), scrittore a sua volta di romanzi storici acclamati (il suo Bella vita e guerre altrui di Mr. Pyle, gentiluomo ha vinto il Premio Strega nel 1996), quando gli chiediamo cosa pensa del successo che stanno riscontrando libri come […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese per il primo anno

Articolo Precedente

“La Storia è il trucco per vendere i romanzi”

prev
Articolo Successivo

L’ineffabile Pavarotti nel doc di Howard: un bel “boh” di petto

next