Matteo Strukul, in libreria con la sua ultima saga “Le sette dinastie” (Newton Compton), ci spiega perché la Storia è ancora l’ingrediente principale – e di successo – dei romanzi. Quest’anno romanzi come M. Il figlio del secolo di Antonio Scurati e Madrigale senza suono di Andrea Tarabbia hanno vinto, rispettivamente, il Premio Strega e […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

La rivolta dei diplomatici rivela i complotti di Trump

prev
Articolo Successivo

“Ma non trattate il passato con la testa al presente”

next