Tra Perugia e Firenze ci sono 150 chilometri, ma ieri sembravano molti meno. Due mondi che apparentemente si fanno la guerra, ma che si annusano da tempo, si corteggiano: da una parte c’era Silvio Berlusconi, arrivato nel capoluogo umbro per sostenere Donatella Tesei alle Regionali del 27 ottobre; dall’altra Matteo Renzi, che nella ottocentesca stazione […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese per il primo anno

Articolo Precedente

Il limite dell’asse tra Matteo e Luigi è la grande paura del voto anticipato

prev
Articolo Successivo

La sindaca con Matteo: “Solo lui mi ha sostenuta”

next