“Abbiamo scelto il meglio che si potesse trovare”. Così parlava di Joseph Mifsud Eugenio D’Orsi, l’ex presidente (dal 2008 al 2013) di centrodestra della Provincia di Agrigento, che nel 2009 aveva puntato proprio sull’uomo oggi al centro del Russiagate per risollevare – invano – le sorti del Cupa, il consorzio universitario di Agrigento ora fallito. […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese per il primo anno

Articolo Precedente

Interista ucciso, la Digos batte l’omertà

prev
Articolo Successivo

Germania, grosso guaio Airbus

next