Tourette, solitario y final. Però lo scrittore non è Osvaldo Soriano, e nemmeno Dashiell Hammett, sebbene l’hard boiled non marchi visita: è Jonathan Lethem, quello di Motherless Brooklyn (1999). La Festa di Roma ha deciso di aprirci la quattordicesima edizione per interposto film, l’opera totale – almeno nell’impegno – di Edward Norton: regista, sceneggiatore, produttore […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

“Maleficent 2”, altro che fiaba: più che il danno tra le due donne vince la noia

prev
Articolo Successivo

L’ultima fatica di Mattia Torre nel ricordo degli amici

next