Nel primo giorno di lezione, Abhijit Banerjee spiega ai suoi studenti del MIT che non si può abolire la povertà con una bacchetta magica. È illusorio, cioè, pensare che basti una singola, potente e definitiva misura per risolvere problemi strutturali e profondi. Bisogna scomporre grandi questioni in piccole sfide da risolvere con un approccio empirico, […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

Il circo è impazzito: perché l’Nba non può più vivere senza Cina

prev
Articolo Successivo

Un terminal alla volta: il dominio di Pechino nei porti dell’Europa

next