Fluviale, crepuscolare, definitivo. The Irishman di Martin Scorsese col trittico magister DeNiro-Pacino-Pesci mette un punto a capo al mafia movie. Che d’ora in poi deve fare i conti con un modo diverso di invecchiare, di ammalarsi e di morire. Tre ore e mezza che danno il senso ad anni di attesa: un viaggio a ritroso […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 13,99€ / mese per il primo anno
( successivamente 14,99€/mese )

Articolo Precedente

Tutti i falsi Modigliani: guida per storici d’arte (e pm)

prev
Articolo Successivo

Napoli, fascino irresistibile e suscettibile: “Il pane è nato in Egitto o sotto il Vesuvio?”

next