C’era una volta un cane tossicodipendente, che fece invaghire una prostituta pazzamente. C’era un’altra volta un farfallo cavolaio, bello di giorno, stupratore di notte. Un’altra volta ancora c’era un micio ambizioso, che aspirava a diventare il gatto con gli stivali, ma – tra un negozio di scarpe e l’altro, tutti carissimi, peraltro – incontrò solo […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

Quel giorno in cui il corpo rinnegò anche al pane

prev
Articolo Successivo

Pelù duetta con Greta: il rock è a tinte verdi

next