Erotismo, outsider e documentari: è Milano Film Festival, che domani sigilla la ventiquattresima edizione nella nuova sede del Cinema Odeon. Diretto per il secondo anno da Gabriele Salvatores, a quattr’occhi con Alessandro Beretta, oltre a mettere a concorso sette opere prime in anteprima nazionale e quarantuno film brevi di registi under 40, continua a illuminare […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Atwood, King o il fu Roth: il Nobel che verrà. Forse

prev
Articolo Successivo

L’uomo Vitruviano non va a Parigi: stop a Franceschini

next