Li avevamo lasciati, nella loro prima avventura extra-televisiva del 2015, a saltare staccionate, addormentare fattori e scimmiottare Il silenzio degli innocenti, che in originale è The Silence of the Lambs e così si capisce meglio l’impiego. Quattro anni più tardi, sempre serviti dalla mesmerizzante Aardman Animations, Shaun e gregge tornano a brucare il grande schermo, […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Da Urbino a Londra: viaggio alla riscoperta del genio – 500 volte RAFFAELLO

prev
Articolo Successivo

“Gli indifferenti” nuova versione con Pesce e Bruni Tedeschi

next