“Banksy è percepito come un Robin Hood, anche perché molte fonti confermano che Robin sia il suo vero nome, ma guadagna da solo 20 milioni di sterline l’anno. La sua genialità? Ha portato nell’arte il principio di medialità, adotta un linguaggio che le persone sono in grado di comprendere e rende ‘notiziabile’ qualunque cosa faccia, […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

Perché il Sinodo va in Amazzonia

prev
Articolo Successivo

Battisti su Spotify: non sarà un’avventura (effimera)?

next