Era il luglio del 2015 quando iniziammo a occuparci di quello che avremmo poi ribattezzato “Air Force Renzi”. D’altra parte la notizia, indirettamente, ci arrivava direttamente dall’interessato, che al culmine del suo potere, che – dopo il 40% alle Europee e poco prima di farsi padre costituente – amava vantarsi del mezzo di trasporto di […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

Il triste balletto tra gli hangar e adesso l’abbandono totale

prev
Articolo Successivo

La manovra che per ora piace ai mercati e piacerà all’Europa

next