“Non ho guardato il sindaco di Eduardo, né quelli di Anthony Quinn o Carlo Giuffré. Ho visto Eros Pagni, ma era un’altra cosa. Mi sono fidato solo di quel testo di sessant’anni fa, e vi ho trovato un sound diverso: il rap”. Attivo a teatro e al cinema, prezioso e orgoglioso “operatore culturale” al Nest […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

“Io, uomo da 100 milioni”

prev
Articolo Successivo

Emma esce dall’ospedale e rincuora i fan: “È stata dura, ma è andata bene”

next