“Pasolini era incazzato da morire. Penso fu una delle cose più brutte della sua vita, quella partita, e infatti non ne parlava mai”. Non che ebbe tanto tempo per farlo: neanche otto mesi, tra quel 16 marzo alla Cittadella di Parma e il 2 novembre all’Idroscalo di Ostia. 1975, Pier Paolo Pasolini ha 53 anni, […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

“Iniziai a recitare per caso, mi nascondevo da dario”

prev
Articolo Successivo

Tra i baroni e i “figli di bottana”: l’università nelle mani dei padri

next