Se mai c’è stata una generazione spensierata, non è certo quella dei millennials. I nati negli anni Novanta si sono trovati in un’Italia che ha tradito le promesse, negando stabilità e redditi. La tecnologia aiuta, ma complica anche tutto. Tullio è uno dei tanti fuoricorso che popolano i quartieri universitari di Roma e certe feste […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Un arcipelago di occhi aperti e corpi spaesati

prev
Articolo Successivo

Ilaria&José: lo Special One e la special gaffeuse

next