Gli Emmy che t’aspetti: sì, ma per quanto ancora? La settantunesima edizione del principale premio televisivo al mondo ha distinto i valori più acclarati, meglio, più acclamati della serialità, a partire dal Trono di Spade. Forte dell’exploit di trentadue nomination, poteva non centrare il riconoscimento quale miglior serie drammatica? Certo che no, e il poker […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Gli arabi divisi anche dentro la Knesset

prev
Articolo Successivo

“Battiato scherza sempre: a Sanremo mi ha fatto tremare”

next