Le inchieste che coinvolgono Autostrade per l’Italia disegnano un quadro inquietante. Nessuno riesce a spiegare quale movente avrebbe spinto dirigenti e tecnici a falsificare relazioni per occultare lo stato di salute dei viadotti Pecetti (A26) e Paolillo (A16). O perché i dirigenti del sesto (Cassino) e settimo tronco (Pescara) e il responsabile barriere del gruppo […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 19,99€ per 3 mesi

Articolo Precedente

Tutte le corsie pericolose: 350 ponti da sequestrare

prev
Articolo Successivo

A noI parenti delle vittime. La Revisione non basta

next