Ormai si è abituato alla cravatta, e anche alle stanze che sono tutte un affresco. L’estate, Roberto Fico, l’ha passata soprattutto lì, nel suo ufficio a Montecitorio, a tessere la tela di un governo che sembrava impossibile. “È stato un lungo lavoro, ma alla fine sono lieto di essermi trattenuto” sorride il presidente della Camera. […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

A destra è psicosi-Conte, “L’unto dei signori”

prev
Articolo Successivo

Sottosegretari, Conte preme. Le partecipate vanno a Chigi

next