Speranza alla Salute, che sembra una frase pronunciata durante un brindisi, potrebbe rivelarsi la scelta giusta. Anche se Roberto Speranza di Leu non è un medico (è laureato in Scienze politiche), attingendo alla sua identità di sinistra può fare bene al ministero della Salute, che fosse per noi si chiamerebbe ancora Alto Commissariato per l’Igiene […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

Così B. si tiene l’organo (di stampa) di garanzia

prev
Articolo Successivo

Ma quel conflitto non riguarda soltanto Berlusconi

next