In queste ore c’è una vera gara tra gli osservatori, a tratti grottesca, per fare l’elenco puntuale delle debolezze di questo storico accordo (compromesso?) tra il Pd e il M5S. Un riflesso pavloviano che smaschera ancora una volta nel mainstream mediatico l’odio verso i grillini, prevalente in assoluto. Eppure in un sistema tripolare come il […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

Il giorno di Gentiloni, i ruoli Ue in mano al Partito democratico

prev
Articolo Successivo

Salvini deride i ministri (ma ora va per funghi)

next