Hannoannunciato ieri l’inizio dello sciopero della fame, i navigator campani, e chiedono l’intervento del capo dello Stato. La nuova forma di protesta prenderà il via lunedì quando, davanti alla sede della Regione Campania, terranno un presidio. La scelta di utilizzare “questa estrema modalità di espressione è dettata – spiegano – dall’atteggiamento del presidente della Regione, […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)