Dici “Sport e periferie” e pensi a campetti di provincia, scuole, palestre. Il nome, semplice ma evocativo, ideato qualche anno fa dalla premiata coppia Renzi-Malagò per il grande piano Pd per lo sport, rimanda all’attività di base e al sociale. A tutto, fuorché un ricco circolo privato della Capitale, da quasi 4 mila euro l’anno […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Gronda, l’alternativa fa spendere 2 miliardi in meno di pedaggi

prev
Articolo Successivo

De Vito, l’accusa si sgonfia: “Solo congetture”

next