“Questa è una delle tante lettere scritte da Giò Ponti indirizzate allo storico dell’architettura britannico Joseph Rykwert, che venne in Italia la prima volta negli anni Quaranta, subito dopo la Seconda guerra mondiale, in occasione di una sorta di pellegrinaggio per incontrare gli architetti italiani più attivi. A Milano il giovane Rykwert divenne amico di […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Addestrare i figli come i cani: l’ultima frontiera dell’assurdo

prev
Articolo Successivo

La vignetta di Beppe mora

next