Forse più che politologi servirebbero scienziati cognitivi, per spiegare quello che è successo ieri al Senato. L’uomo che ha rovinato le ferie a tutti fuorché a sé stesso, fino all’ultimo garrulo e minaccioso dalle spiagge, è entrato suonatore e è uscito suonato, e nel momento solenne deputato alla spiegazione del perché abbia aperto la crisi […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

vignetta mora

prev
Articolo Successivo

Dai “vecchi” ai “giovani”: sono cambiate le parole ma non si è vista un’idea

next