Nella lunga storia delle crisi di governo, non ricordo una requisitoria di un premier così documentata, accurata e implacabile come quella pronunciata da Giuseppe Conte contro il proprio vicepremier Matteo Salvini. Che sedeva al suo fianco, a pochi centimetri, coinvolto fisicamente dalla durezza delle accuse. Il primo, con il linguaggio della parola, picchiava duro per […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

“Irresponsabile, sleale e opportunista”: così Conte scarica il leghista

prev
Articolo Successivo

Crisi, quella di Conte è stata una lezione di stile. Per questo ora non vogliono il suo bis

next