Da quando esistono le misurazioni delle temperature, luglio è stato il mese più caldo della storia. È così “ufficiale” la fine dell’Olocene, era che comprende gli ultimi 10.000 anni, e l’inizio dell’Antropocene, era in cui l’umanità è la forza principale che determina la conformazione del pianeta e in cui la natura non può più considerarsi […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

Il governo M5s-Pd non sia un “Monti-Bis”

prev
Articolo Successivo

La gioventù ribelle di Gozi, compagno che fu camerata

next