Giuseppe Conte non ha cambiato idea: la crisi di governo dovrà essere “trasparente” e avvenire nelle aule parlamentari. Il presidente del Consiglio ha il sostegno pieno del Movimento 5 Stelle, che lo candidò ministro, lo volle poi a Palazzo Chigi e ora giura che dal suo nome non si muoverà neanche in caso di nuovo […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese per il primo anno

Articolo Precedente

Salvini è disposto a tutto per non cadere, ma è tardi

prev
Articolo Successivo

Il Capitano si perde l’ex Cavaliere: Letta e i forzisti che trattano coi dem

next