Non si fida dell’apertura di Matteo Salvini, per nulla: “Dopo quanto successo l’otto agosto, chi può dare ancora credito alla sua parola? Quello che dice non conta più nulla”. Anzi, accusa: “Quella del capo della Lega sul taglio dei parlamentari è una mossa della disperazione. E comunque quando si va al voto lo decide il […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Conte sarà nell’aula del Senato il 20 agosto: lui pensa alla conta “come Prodi nel 2008”

prev
Articolo Successivo

La rabbia, i rospi e il mojito: che buio che fa a Ferragosto

next