A Matteo Salvini non manca il senso del teatro e il Senato è un palcoscenico che si presta. Il capo della Lega, fiutato il pericolo di essere messo all’angolo da un governissimo Pd-5Stelle, prova a uscirne lanciando un amo agli ex alleati: “Ho sentito l’amico e collega Luigi Di Maio più di una volta ribadire […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€/mese

Articolo Precedente

testatina

prev
Articolo Successivo

Matteo spariglia e spera in Zinga, ma il M5S dice no

next