“Deficienti, criminali, delinquenti”. Vittorio Sgarbi ce l’aveva con i carabinieri. In una delle sue sfuriate finite tra gli atti di un’inchiesta giudiziaria e rimaste finora segrete, appella in ogni modo gli investigatori del Nucleo Tutela per il patrimonio Artistico dell’Arma colpevoli di aver sequestrato opere dell’artista scomparso nel 1998 Gino de Dominicis, ritenute false e […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

CasaPound toglie l’insegna “vietata”. Oggi l’avrebbe fatto il Campidoglio

prev
Articolo Successivo

Delitto Cerciello: “C’è un video dell’incontro con i militari?”

next