Non crediamo nemmeno per un secondo che Matteo Salvini abbia chiesto o imposto agli uomini della Polizia di Stato di scorrazzare sulla moto d’acqua il figlio sedicenne. Secondo noi è molto peggio di così. Guardando il video dei poliziotti che intimano “gentilmente” al cronista di Repubblica di non fare riprese video dell’augusto figlio intrattenuto da […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€/mese

Articolo Precedente

Sulla pelle di Dante, troppi sciacalli

prev
Articolo Successivo

La vignetta di Franzaroli

next