L’inchiesta interna all’Arma dei Carabinieri sul caso di Christian Gabriel Natale Hjorth, il cittadino Usa coinvolto nella vicenda dell’omicidio del vicebrigadiere Mario Cerciello Rega bendato durante il fermo da alcuni militari, sembra procedere velocemente. Chi era presente negli uffici di via In Selci a Roma e che ha ben pensato di immortalare quell’immagine per poi […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese per il primo anno

Articolo Precedente

Il primo intervento, i carabinieri e l’uomo “amico delle guardie”

prev
Articolo Successivo

Un danno all’indagine, ma abbiamo anticorpi

next