La notizia che Martin Selmayr, potentissimo segretario generale della Commissione e uomo di fiducia di Jean- Claude Juncker, lascerà il suo incarico con l’arrivo di Ursula von der Leyen, aveva fatto tirare un sospiro di sollievo. Dal 1 novembre, l’eurocrate tedesco guiderà la rappresentanza Ue a Vienna. Un “esilio dorato” da 17.000 euro al mese, […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

Abu Mazen: “Stop accordi con Israele”

prev
Articolo Successivo

Ridere per resistere: poche regole migliorano la vita

next