Non si è mai fatto interrogare dai magistrati, non ha mai collaborato con la giustizia in alcun modo, la legge Spazzacorrotti impone – anche agli ultrasettantenni condannati definitivi per corruzione – di andare in carcere, ma da ieri pomeriggio Roberto Formigoni, dopo 5 mesi passati nel penitenziario di Bollate, è agli arresti domiciliari. A febbraio […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

I soldi sono arrivati, ora manca il lavoro

prev
Articolo Successivo

Franceschini apre ai 5 Stelle, Renzi lo insulta

next