Pareri legali in serie, incarichi principeschi, anche a cinque zeri. Tutti rigorosamente per chiamata diretta, a volte di “dubbia utilità”, spesso disinvolti sul piano degli obblighi di trasparenza. Nei conti di Ama, la partecipata dei rifiuti romana finita al centro di uno scontro feroce tra la sindaca Virginia Raggi e l’ex amministratore e presidente Lorenzo […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

“Youtube spia i bimbi per gli spot” E Google si accorda per la multa

prev
Articolo Successivo

Caso Orlandi, migliaia di ossa al Teutonico: periti al lavoro

next