La guerra lampo del Salvimaio incomincia giovedì alle 20 meno qualcosina, quando Enrico Mentana sul pizzo della scrivania annuncia che siamo sull’orlo del baratro, a un passo soltanto, forse già con un piede dentro ed elenca gli ultimi insulti che si scambiano ambo i vicepremier in un reciproco accusarsi di tradimenti e corruzione. Siamo alla […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Ue, rimpasti e finti attentati: le mille balle del ministro

prev
Articolo Successivo

Zingaretti, un altro “Qualcosista” dem

next