Nel film dedicato a Christa Paffgen, Nico dei Velvet Underground, la fine è l’epifania greve e muta di un assolo. Il parossismo definitivo e inutile di una voce, un talento, l’ultimo colpo di coda sferrato come fosse un pugno dagli inganni mondani, dello star system dovremmo aggiungere nel linguaggio più esatto. La Nico eroinomane. Nico […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

Netflix rimuove i tre minuti più discussi in Usa: niente suicidio nella serie “Tredici”

prev
Articolo Successivo

Non chiamateli cartoon. Sono racconti universali

next