I tre divanetti, disposti a ferro di cavallo, affacciano sull’ingresso delle commissioni Lavoro e Bilancio, nel lungo corridoio al quarto piano di Palazzo Montecitorio. Li circonda un parapetto alto nemmeno un metro. Sul muro campeggia un segnale luminoso: “Vietato fumare”. Ma basta premere un interruttore perché la magia si compia. La scritta da rossa si […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Il Capitano poco coraggioso non riferisce in Parlamento

prev
Articolo Successivo

L’Antimafia sul Web. Prima Borsellino, poi tutto l’archivio

next