“silenziosa piega/ bacio nascosto/ pelle ricucita/ fermiamoci un attimo/ prima del nero del cielo/in fondo immobile in attesa dei merli/ crescono i fiori nel campo acattolico/ e le mani adesso vive carezze/ credi al niente/ naufrago il cuore/ credo alla luna/ la figlia femmina del creatore”. Cadrebbe in errore il lettore che, con sicumera fallace, […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 13,99€ / mese per il primo anno
( successivamente 14,99€/mese )

Articolo Precedente

“Sono sempre stato nemico della scrittura sull’attualità”

prev
Articolo Successivo

Tremate, le streghe stanno tornando

next