La Commissione Antimafia oggi desecreta le audizioni di Paolo Borsellino fino al 2001, sia quand’era giudice istruttore a Palermo sia nel periodo in cui ha guidato la procura di Marsala, nell’ambito di un’“operazione verità” sugli atti secretati dall’antimafia che si spinge sino a documenti degli anni 50, quando ancora la prima commissione non era ancora […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Morti su strada: con la legge Renzi aumentano ancora

prev
Articolo Successivo

Mose, il Consorzio contro il Provveditore. E Toninelli lo convoca al ministero

next