Sotto la terra vulcanica di Pompei si trovano ossa umane. E non sono solo quelle incenerite degli sfortunati abitanti di duemila anni fa avvelenati dai fumi del Vesuvio. Sono morti recenti: tombaroli intrappolati nei cunicoli che hanno scavato per rubare reperti. Perché ai piedi del Vesuvio c’è ancora un mondo da scoprire: domus disseminate fuori […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

Bollette a 28 giorni, respinto il ricorso delle compagnie: scattano i rimborsi

prev
Articolo Successivo

“Patagonia Saudita”. La frontiera energetica della nuova Argentina

next