“Ma il film che mi rese popolare per davvero fu La montagna di cristallo con le musiche di Nino Rota. Il più grande critico inglese disse: ‘First Garbo, then Bergman, now Cortesa’, Cortesa, come mi chiamavano in Inghilterra e in America per avvicinarsi alla pronuncia corretta del mio nome. Lo so, dovrei essere un po’ […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

“Quei mafiosi comunisti di Garboli e Giudici”

prev
Articolo Successivo

Tutta la verità sui “Promessi sposi”. A confessarla è Leonardo Sciascia

next