Colpevole “a fin di bene”, “toghe impazzite”, “Solidarietà da Lega e FI”. Sembra il calvario di un martire, invece sono i titoli dei giornali sulla sentenza a carico di Beppe Sala, condannato a sei mesi per falso. Epilogo di una copertura opposta a quella riservata a Virginia Raggi, le cui vicende giudiziarie – terminate con […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

Altro che “vizio di forma”: così Sala ha falsato gli atti

prev
Articolo Successivo

I lottiani contro i magistrati “Luca vittima di complotto”

next