Un cancello chiuso. Dall’altra parte c’era tutto quel desiderava. “Avevo sette anni, le ragazze erano un universo ancora lontanissimo”, ammette Riccardo Zanotti. “Ma i vicini avevano un pastore tedesco, Black, che adoravo. Così, con un fine utilitaristico, composi la mia prima canzone, ‘Voglio l’affetto di Black’. I miei comprarono un cane”. Una sliding door come […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€/mese

Articolo Precedente

“I film ci faranno volare come le auto del futuro”

prev
Articolo Successivo

Rita Pavone e il ballo del mattone a Woodstock

next