Ci sono momenti in cui, sopraffatti dalla commozione, si fatica a trattenere le lacrime. A me è accaduto ieri, leggendo il nuovo inno olimpico, purtroppo ancora senza accompagnamento musicale, scritto da un paroliere d’eccezione: Francesco Merlo. Meglio delle “notti magiche inseguendo un gol” di Bennato e Nannini. Il Mogol di Repubblica ci ricorda che “le […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

giovedì 27 giugno 2019

prev
Articolo Successivo

La testatina

next